Come curare la stanchezza

fisica e mentale.

Che sia notte o giorno, lei ti accompagna sempre e non ti lascia mai.

Puoi dormire 10 ore, fare la siesta pomeridiana, svolgere un lavoro sedentario… eppure dalla stanchezza cronica non riesci in alcun modo a liberartene.

Come mai tante persone al giorno d’oggi soffrono di stanchezza fisica e mentale?

Quali sono i rimedi e come possiamo curare questo sintomo, per tornare a vivere in salute e invecchiare con stile?

In questo articolo andremo a fare un po’ di chiarezza!

CAUSE E SINTOMI

La stanchezza cronica è una vera e propria sindrome che attanaglia il corpo e la mente di tantissime persone nel mondo.

Trascurando le principali patologie che possono creare manifestare sintomo (come ad esempio le patologie reumatiche, fibromialgia..) andiamo a vedere quali possono essere le cause e sintomi principali.

Sonnolenza

Questo è certamente il primo sintomo che si percepisce durante il giorno.

Il nostro corpo presenta degli orari precisi di sonno e veglia, dovuti al ritmo circadiano.

In pratica, ci sono degli ormoni all’interno del nostro che trasmettono diverse informazioni durante il giorno e la notte.

Se questi ormoni non sono regolati e bilanciati tra di loro, possono causare dei momenti di sonnolenza e stanchezza anche nelle fasi più importanti della giornata.

Le cause di tutto ciò sono da ricercarsi nello stile di vita e nelle abitudini che abbiamo.

CONSIGLIO

Fai un’analisi del tuo stile di vita.

Sei una persona che ci tiene al proprio corpo?

Difficoltà a svegliarsi.

Spesso questo è un sintomo che viene ignorato da molte persone e sottovalutato.

Ad esempio, quante sveglie ti servono prima di aprire gli occhi la mattina?

Molti di noi hanno oramai preso l’abitudine di mettere più di una sveglia prima di alzarsi dal letto; questo è un classico sintomo di una qualità del sonno scarsa.

La difficoltà a svegliarsi è un fattore legato proprio ala qualità del sonno.

Durante la notte il nostro corpo ha bisogno di rigenerarsi e ripararsi.

Si chiama fase anabolica.

Questa fase è tanto più potente, maggiore è la qualità del sonno.

Purtroppo al giorno d’oggi, molti di noi hanno acquisito delle abitudini sbagliate prima di andare a letto, senza rendersi conto dei danni che sta subendo il loro organismo!

CONSIGLIO

Instaura una routine positiva prima di dormire.

Una tisana, un libro… fai azioni che portino il tuo corpo a rilassarsi.

Dolori muscolari e generici.

Altro segnale d’allarme che ci manda il nostro corpo.

Non intendo un dolore specifico, come può essere il mal di schiena.

Mi riferisco a quei fastidi che vanno e vengono in tutto il corpo.

Magari un giorno stai più tempo al PC e ti viene male al collo.

Poi il giorno dopo ha mal di testa.
Un altro giorno hai mal di stomaco.

Tu penserai che questi fastidi non sono correlati.

Invece devi immaginarti il nostro corpo come una macchina dove ogni singola parte sia connessa all’altra.

Prima di sentire il dolore, lui cerca di fare di tutto per sistemare un probabile problema muscolare.

Quando proprio non riesce, ecco che ci lancia il segnale di allarme.

Non ci sono dolori che non siano connessi ad altre zone del corpo.

Anche in questo caso, le cause del problema possono essere diverse, ma principalmente sono legati a 2 fattori:

  • Inattività fisica
  • Alimentazione scorretta

Si lo so, sempre i soliti discorsi…ma se lo sapevi già che mangi male e non ti muovi, mi dici perché non lo fai?

Cali di energia giornalieri.

I cali di energia sono leggermente diversi dalla sonnolenza.

Infatti si tratta di momenti della giornata dove la nostra mente ha bisogno di riposare.

Hai presente il caffè di metà mattina? Quello lo assumi principalmente perché il tuo corpo sta avendo un calo di energia.

Questi picchi di vitalità/apatia sono legati principalmente all’alimentazione e ai cicli ormonali.

Durante il giorno se non idratiamo e alimentiamo regolarmente il nostro corpo, questo subisce dei momenti di black out, staccando la presa al nostro cervello.

CONSIGLIO

Fai degli spuntini regolari ogni 3/4ore.

Come i bambini, ricomincia a portarti la merenda da casa.

Invecchiamento precoce.

Rughe, capelli bianchi, problemi muscolari, apatia…

Mettendo tutto insieme si delinea un bel quadro tipico di invecchiamento precoce.

L’invecchiamento precoce è la distruzione del nostro corpo, delle nostre, ad una velocità superiore rispetto al normale.

Hai presente quelle persone che dimostrano un’età superiore a quella che hanno?


Loro soffrono di invecchiamento precoce.

A mio parere è una vera e propria piaga dell’era moderna.

Non a caso questo sito ha come scopo principale quello di offrire contenuto su come “invecchiare con stile”.

L’invecchiamento precoce è dato esclusivamente dallo stile di vita e da 4 fattori fondamentali.

  • Abitudini
  • Alimentazione
  • Movimento
  • Sonno

Se questi 4 pilastri della nostra vita non sono bilanciati, il nostro corpo tenderà ad invecchiare più velocemente.

COME CURARE LA STANCHEZZA FISICA E MENTALE

Come già detto nel corso di questo articolo, dobbiamo iniziare a pensare al nostro corpo nella sua globalità.

Una buona dieta non associata ad attività fisica regolare, non serve a molto.

La prima cosa da fare è comprendere che tutti i sintomi legati alla stanchezza, sono dovuti alle nostre abitudini.

Noi viviamo come chiusi all’interno di una ruota del criceto; continuiamo a fare gli stessi errori che non portano ad un cambiamento.

Fino a che non decidiamo effettivamente di cambiare, strutturando delle nuove priorità basate sul benessere del nostro corpo.

CONSIGLIO

Scegli una cosa che vuoi cambiare fin da subito.

Potrebbe essere iniziare a fare movimento.

Mangiare regolarmente e bene.

Andare a letto ad un orario decente.

Scegli un’attività e mettila come priorità per i prossimi 21 giorni.

VUOI RISOLVERE I TUOI DOLORI?

Ho realizzato per te
5 VIDEO GRATUITI
che ti insegnano come contrastare l’invecchiamento

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su WhatsApp
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su twitter
Condividi su Twitter